Il kerosene come antitarlo funziona?

Tra i vari rimedi che possiamo adottare nella lotta contro i tarli ce ne sono molti di naturali e altri invece che hanno una composizione chimica e industriale.

  I prodotti naturali sono perfetti per prevenire la comparsa di questi insetti. Bisogna adoperarli sul legno costantemente, facendo dei trattamenti ogni 10 o 15 giorni. Grazie alla funzione che svolgono evitano che i tarli si annidino nel nostro mobile o oggetto di legno. Tuttavia, seppur efficaci come metodo di prevenzione, spesso si rivelano inutili nella lotta a questi insetti xilofagi. Infatti quando i tarli hanno già manifestato la loro presenza è impossibile cacciarli con il solo aiuto di questi prodotti. Non riescono a raggiungere il legno in profondità, dove i tarli sono soliti annidarsi, e quindi risultano obsoleti.

  Il discorso cambia con i prodotti chimici, che si proclamano super efficienti sia in caso di prevenzione che di cura. Sono perfetti per scacciare i tarli anche quando la situazione è diventata critica, ovvero quando il mobile stesso è stato danneggiato anche a fondo. Svolgono un’azione profonda, e riescono a raggiungere antri e posticini minuscoli dove i tarli sono soliti nascondersi.

Dopo questa premessa possiamo dire che il kerosene (così come la benzina e il gasolio) sono alla base di moltissimi di questi prodotti.

Alla luce di quanto detto quindi possiamo dire che sì, il kerosene ha una grande efficacia nella lotta contro i tarli. Tuttavia non può farcela da solo, ma ha bisogno di altre sostanze per essere attivato. Per questo è bene non usarlo in maniera assoluta, ma è meglio adoperarlo quando è diluito con altri principi attivi. Infatti i prodotti chimici in questione hanno una base a kerosene, ma vengono diluiti con altri principi attivi (come per esempio un insetticida, o un acaricida). Di solito la composizione è così suddivisa: un 80 % di kerosene (o altre sostanze simili, come il gasolio, la benzina o i sali minerali) e un 20 % di principio attivo e sostanze analoghe.

Per saperne di più su come puoi combattere il fastidio provocato dai tarli consulta il sito internet dedicato agli antitarli.